Frittelle di fiori di Acacia

Home / Dolci veloci / Frittelle di fiori di Acacia

fiori di acacia

La ricetta del cuore di Loredana

C’è una stagione che porta il vento gentile della speranza e dei ricordi: è quella in cui sbocciano i fiori bianchi e la voglia di correre per i prati. A ogni fiorire di tiglio, di acacia e di magnolia, mi tornano in mente gli ultimi giorni di scuola, la prima comunione, le giostre che arrivavano in piazza, e i giorni passati nel roseto di mia nonna, circondato da ortensie. Raccoglievo montagne di petali d rosa, soffici e freschi, e li mettevo in sacchetti di seta, stordita dai profumi e dal ronzare degli insetti.

Mia madre tornava dai prati con un cesto pieno di grappoli bianchi e carnosi che profumavano di miele: erano fiori di acacia. I fiori e il loro profumo erano cose di noi donne e in cucina, sul grande asse di legno segnato dal lavoro di generazioni passate, nevicava farina bianca e si aprivano ampolle dorate. Mangiavamo la primavera e poi l’avremmo fatto ancora e poi ancora, per tenerla stretta. Forse i fiori sarebbero un giorno germogliati dentro di noi.

frittelle di fiori di acacia

Frittelle di Fiori di acacia

 

Raccogliere qualche grappolo di fiori d’acacia. Si possono staccare i fiori singolarmente ma io preferisco usare il grappolo intero, con le sue parti verdi, eventualmente tagliato in parti più piccole. Mettere i grappoli in un recipiente e cospargerli di rum. Lasciarli riposare 2 ore.
Fare una pastella con 3 cucchiai di farina,un cucchiaio di zucchero,un uovo e latte quanto basta per una pastella abbastanza densa: unire i grappoli di fiori di acacia con tutto il rum e mescolare bene. Friggere a cucchiaiate in olio caldo. Cospargere le frittelle con zucchero di canna.

Variante vegana 

Raccogliere grappoli di fiori d’acacia.Fare una pastella con due cucchiai e mezzo di farina, mezzo bicchiere d’acqua, un pizzico di sale e un cucchiaio di olio. Lasciare riposare 2 ore. Immergere i grappoli nella pastella uno alla volta e friggere in olio caldo.

Cospargere le frittelle di zucchero se si vogliono dolci, altrimenti si possono gustare al naturale.

 

loredana de michelis

 

 

Loredana è una scrittrice che ho la fortuna di conoscere. Potete scoprire qualcosa in più di lei e leggere la sua poesia sul suo blog.
Grazie di cuore per aver condiviso con me e con i miei lettori questa tua ricetta di cui disconoscevo l’esistenza, e di averlo fatto con la grazia e l’eleganza che ti contraddistinguono.

 

Scrivi la tua ricetta del cuore è una Rubrica di Cosa ti preparo per Cena

Hai una ricetta del cuore, una storia da raccontare e vorresti vederla pubblicata? E’ semplicissimo!
Scrivimi la tua storia, la tua ricetta, fai una fotografia al tuo bel piatto e mandamene anche una tua se ti va. Inviami tutto via mail oppure compilando il Form che trovi cliccando su “Scrivi la tua ricetta”.
Ti contatterò per ringraziarti e per farti sapere il giorno in cui potrai vederlo online.

scrivi la tua ricetta del cuore
scrivi la tua ricetta del cuore
Ricette attinenti
Visualizzo 6 commenti
  • Loredana de michelis

    Grazie a te Viviana, tu mi riconcili con le cose buone.

  • Claudia

    E brava Loredana!!!!! so essere proprio buoni.. ma qui a Roma dove te li trovo i fiori di acacia?? invidiaaaaaaa…. baci e bun w.e. :-*

    • Viviana Dal Pozzo

      Cla non li ho trovati manco io a verona…. 🙁

  • Eleonora Gambon

    Li faceva anche mia madre, anche con i fiori di sambuco!

    • Viviana Dal Pozzo

      ma che bontà!!!! dei fiori di sambuco conoscevo solo lo sciroppo!

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

zuppa parmentierorecchiette salsiccia e piselli freschi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: