Sardine ripiene di Sud

Home / Secondi di Pesce / Sardine ripiene di Sud

Sardine Ripiene

Quando torno da Palermo, dopo essermi riempita dei profumi, dei colori, dei sapori, dei suoni della mia Sicilia, tutto di me parla del Sud.

Ritorna il mio accento tanto amato.

Ritornano le frasi con parole sicule.

Ritorna un po’ anche la Viviana bambina.

La Cucina rispecchia il mio cuore ♥

La cucina, che come sempre rispecchia il mio cuore, al momento è un tripudio di caciocavallo, passolina, pinoli, pomodori secchi, finocchietto selvatico, capperi e olive!

E quando vivo in questo modo, in cui il mio passato ed il mio presente si mescolano, le mie origini cantano una cadenza palermitana, e il mio cuore emana il calore del sole del sud, ecco che succedono cose meravigliose, come ad esempio trovarsi da un pescivendolo e vedere delle sarde freschissime già pulite, aperte a libro, o meglio, come si dice a Palermo, “allinguate”, che di certo erano a me destinate.

Così le ho portate a casa e ho messo tutta la mia sicilianità per prepararle al meglio.

Ed ecco cosa ti preparo per Cena: le sardine Ripiene di Sud.

Sardine ripiene pronte per il forno

 

Sardine Ripiene

Ingredienti

  • ½ kg di sardine
  • due fette di pane
  • 200 g di ricotta
  • 6 pomodori secchi
  • un ciuffetto di prezzemolo tritato
  • uno spicchio d'aglio
  • olio extra v
  • qualche cucchiaio di pangrattato

La ricetta passo passo

  1. Le mie sardine erano già aperte a libro, se le vostre non lo sono, sarà necessario pulirle, eviscerarle, togliere testa e lisca e aprirle.
  2. In un mixer ho tritato il pane grossolanamente, lasciando dei pezzi.
  3. Ho sbollentato per 2 minuti i pomodori secchi, poi li ho scolati e tagliati a pezzetti.
  4. Ho mischiato il pane con la ricotta, i pomodori secchi e il prezzemolo.
  5. Ho aggiustato di sale e ho aggiunto un giro d'olio.
  6. Per preparare le sardine ripiene ho rivestito una teglia di carta da forno, ho unto le sardine dal lato della pelle con un pennello intinto nell'olio, le ho passate nel pangrattato (solo dal lato della pelle) e le ho disposte sulla teglia.
  7. Ho strisciato su ognuna lo spicchio d'aglio aperto a metà, e poi ho spolverato un pizzico di sale su tutte.
  8. Ho riempito la sardina con un cucchiaio di ripieno, poi ho richiuso con un'altra sardina.
  9. Ho unto tutte le sardine dal lato della pelle, e poi le ho spolverate di pangrattato.
  10. Ho infornato a 180° ventilato per 15 minuti.
  11. Ho servito le Sardine Ripiene ben calde.

Sardine Ripiene di Sud

 

 

Ricette attinenti
Visualizzo 10 commenti
  • valentina

    Favolose queste sardine. E’ un pesce povero, ma io lo amo perchè in cucina è estremamente versatile. Mai provato le sarde in saor alla veneziana?
    Buona giornata

    Valentina

    http://coindecampagne.blogspot.it

    • Viviana Dal Pozzo

      Vale anche io adoro le sardine! In Saor le ho assaggiate spesso ma mai preparate! hai una ricetta super da suggerirmi?

      • valentina

        Cara Vivi, ecco la ricetta “tradizionale”, che poi ogni famiglia ha la sua e addirittura può variare da sestriere a sestriere.

        500 gr di sardine ( prendile abbastanza grosse”)
        700/800 gr di cipolle dorate
        farina
        olio di semi di arachide+ evo
        1 cucchiaio di zucchero
        100 ml di aceto di vino bianco
        pinoli e uvetta (opzionali)

        Prendi le sardine, le pulisci bene, togli la testa e le interiora. Le passi bene nella farina e le friggi in olio caldo. Le scoli e le fai asciugare bene su carta da cucina così perdono parte dell’olio,
        Intanto affetti le cipolle super sottili e le fai andare a lento in una padella con l’olio, aggiungi sale e pepe , poi lo zucchero e l’aceto.
        Quest ultimo deve evaporare tutto.
        Spegni il fuoco, Se vuoi aggiungere uvetta e pinoli questo è il momento, L’uvetta va fatta prima appassire un pochino in acqua.
        Metti le sardine in una pirofila possibilmente con coperchio e metti sopra la cipolla, Devi fare degli strati come per le lasagne; uno di sardine, uno di cipolla e così via,
        Vanno conservate in frigo.
        Mi raccomando non consumarle prima che siano passati 5 giorni così si insaporiscono bene!
        Fammi sapere se le fai, spero di esserti stata utile.

        Un bacione

        Valentina

        http://coindecampagne.blogspot.it

        • Viviana Dal Pozzo

          sarà dura aspettare 5 giorni!!!!!
          grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee le proverò sicuramentissimo!!!

  • Rossana

    Una delizia. Credo proprio che le proverò presto. Un abbraccio

  • [email protected]

    Che meraviglioso sud! Adoro questi piatti, mi immagino il profumo oltre il sapore.

    • Viviana Dal Pozzo

      profumatissimo! qualche filo di finocchietto selvatico e si raggiunge il top! un bacio cara!

  • Annalisa

    Viviana, non sai quanto mi rispecchio in te.. anche per me ogni viaggio di ritorno al sud comporta le stesse emozioni, chiuse in una valigia e portate su con me..
    Questa ricetta è una delizia, a Messina si preparano diversamente ma questa tua versione la provo presto di sicuro!

    • Viviana Dal Pozzo

      Noi donne con la valigia nel cuore viviamo sempre con le emozioni che si aprono e chiudono con la zip…
      un bacio grandissimo

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

filetto di orata all'acqua pazzacrema fucsia per bambine
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: